Le minne di Sant'Agata tra una pagina e l'altra.

martedì 8 marzo 2011

Minne di sant'Agata


"Agatì, beddruzza mia, comincia a mischiare la farina con la sugna e sentimi bene, che ti devo raccontare una cosa importante. Devi sapere che sant'Agata...". Così si apre il secondo capitolo del romanzo "Il conto delle minne" di Giuseppina Torregrossa, un libro che mi ha fatto compagnia, insieme ad altri,  questa estate e della quale mi sono subito innamorata. Si racconta di uno spaccato della storia di un paese della Sicilia attraverso i racconti di nonna Agata che insegna alla nipote, non solo i segreti della cucina e della ricetta delle minne, ma anche grandi e importantissime lezioni di vita. Insomma storie di donne raccontate da donne, per le donne.
La storia della santuzza ahimé, lascia l'amaro in bocca. Se volete saperne di più vi invito a leggere qui. Quanto al romanzo leggetelo.
La ricetta fa parte del libro e la si trova nella prima pagina.



Minne di sant'Agata (per otto cassatine)
Ingredienti Pasta Frolla
farina tipo 00, 600 grammi
strutto, 120 grammi
zucchero a velo, 150 grammi
Aroma di vaniglia
uova, 2

tagliare lo strutto a dadini e lavorarlo tra le dita insieme con la farina. Quando i due ingredienti saranno ben amalgamati aggiungere lo zucchero a velo, incorporare le uova e la vaniglia. Impastare velocemente. Quando il composto avrà una consistenza soffice ed elastica, da poterci affondare le dita come in un seno voluttuoso, coprire con una mappina e lasciar riposare.

Glassa
zucchero a velo, 350 grammi
succo di limone, 2 cucchiai
albumi, 2

Montare parzialmente gli albumi con un pizzico di sale. Aggiungere lo zucchero, il succo di limone e continuare a mescolare fino a ottenere una crema bianca, lucida e spumosa.

 Ripieno

ricotta di pecora asciutta 500 grammi
canditi, 100 grammi
scaglia di cioccolato fondente, 100 grammi
zucchero, 80 grammi

Passare a setaccio la ricotta. Aggiungere lo zucchero, i canditi e il cioccolato. Lasciare riposare in frigorifero per un'ora circa.

Imburrate e infarinate stampini rotondi, perché il dolce abbia la forma di un seno. Stendere la pasta in uno strato sottile. Foderare il fondo degli stampini, farcirli con la crema e chiuderli con dischi di pasta frolla. Capovolgerli sulla piastra unta e infarinata. Cuocere nel forno a 180°C per 25/35 minuti.
Sfornare e far raffreddare su una griglia.
estratta delicatamente ogni cassatina dal suo stampo,  colarvi la glassa, in modo uniforme perché tenderà a solidificare in poco tempo.
Perché delle semplici cassatelle si trasformino come per magia in seni maliziosi, minne piene, decorare queste magnifiche, bianche, profumate rotondità con una ciliegina candita.

4 commenti

  1. Splendida presentazione, Ale, e che buone le minne di Sant'Agata!Il libro non lo conosco, segno il titolo, sarà molto bello!Baci

    RispondiElimina
  2. Grazie per la partecipazione di queste belle minne!!! :DIn bocca al lupooo!!

    RispondiElimina
  3. ke amore!!!belle! mai sentite sinceramente!sembrano davvero golose!!

    RispondiElimina

© Scatta la voglia. Design by Fearne.